Edizioni

Meister Eckhart, La via del distacco

Meister Eckhart, La via del distacco

Meister Eckhart, La via del distacco, Lorenzo de' Medici Press, pagine 176, euro 12,00

Il domenicano tedesco Eckhart afferma che il cuore del proprio insegnamento consiste nel distacco, ovvero nello spogliarsi di tutto ciò che è superficiale, casuale e superfluo, per trovare l’essenza di noi stessi, ovvero quel “fondo” dell’anima, che è Dio, ma che anche noi propriamente siamo, raggiungendo così una beatitudine sconfinata. Un insegnamento che Eckhart trae dal Vangelo, ma che ha un valore universale (non a caso Eckhart è stato avvicinato al buddhismo zen), tanto più rilevante in un tempo, come il nostro, di grande disagio e smarrimento psicologico.
Dalla predicazione del Meister sono riportati qui una serie di pensieri dai quali si ricava la traccia essenziale di questa via del distacco. Una raccolta di aforismi e aneddoti finora introvabili in libreria sulla figura, quasi leggendaria, di Eckhart, completa questa antologia, curata e annotata dallo studioso italiano che ha tradotto l’intera opera eckhartiana.

Meister Eckhart - Commento al vangelo di Giovanni

Meister Eckhart - Commento al vangelo di Giovanni

Meister Eckhart - Commento al Vangelo di Giovanni, Bompiani, Milano, 2017, pagine 1090, euro 40,00

«L’amore di se stesso, l’amore del bene personale: questa è la radice di ogni male, l’‘albero cattivo che dà frutti cattivi’ (Mt 7, 17).

In ogni opera, anche nel male, e nel male sia in quanto alla pena che in quanto alla colpa, si mostra e risplende ugualmente la gloria di Dio».

Del magistero universitario parigino del domenicano tedesco Eckhart (1260-1328 ca.), chiamato dai contemporanei proprio Meister, ovvero magister, questo Commento al vangelo di Giovanni è senza dubbio l’opera maggiore e più rilevante, giunta fino a noi dopo l’oblio di molti secoli: non a caso è da essa che sono state estratte alcune delle proposizioni più sconvolgenti tra quelle condannate come eretiche dalla Bolla papale In agro dominico (1327).
Il testo giovanneo – il vangelo di Dio come spirito e dell’uomo parimenti come spirito – permette infatti al magister di sviluppare appieno la sua dottrina mistica fondamentale: la generazione del Logos nell’anima dell’uomo completamente distaccato, che diviene così uomo divino, come il Figlio.

Vangelo di Giovanni

Vangelo di Giovanni

Vangelo di Giovanni a cura di M. Vannini, Garzanti, Milano 2016.

"In principio era il Logos": fin dal primo versetto il vangelo di Giovanni abbandona lo stile descrittivo e parabolico degli altri vangeli e affronta la questione della divinità di Cristo, con un linguaggio teologico denso di suggestioni platoniche.

I mistici renani. Eckhart, Taulero, Suso

I mistici renani. Eckhart, Taulero, Suso

I mistici renani. Eckhart, Taulero, Suso, Antologia a cura di Vannier M. A.; Vannini M., Jaca Book, 2013.

Un volume che risponde al nuovo interesse nato sulla mistica renana che parla all'uomo d'oggi. Ci troviamo, infatti, di fronte ad uno degli apporti fondamentali della cultura religiosa dell'Occidente, come notava Vladimir Losskij. Quella che oggi chiamiamo "mistica renana" è l'opera condotta da Eckhart e proseguita dai suoi allievi Taulero e Suso nel XIV secolo.

Meister Eckhart Commenti all'Antico Testamento

Meister Eckhart Commenti all'Antico Testamento

Meister Eckhart Commenti all'Antico Testamento, Bompiani, Milano 2012.

“Con la Scrittura concorda ciò che i filosofi hanno scritto sulla natura delle cose, giacché da una sola fonte e radice di verità deriva tutto quel che è vero, sia nell’essere sia nella conoscenza, nella Scrittura e nella natura [...] Quello che insegnano Mosè, Cristo e il Filosofo è lo stesso: si differenzia solo nel modo e nella forma.”

Mistica orientale, mistica occidentale

Mistica orientale, mistica occidentale

Mistica orientale, mistica occidentale, traduzione di Marco Vannini, Edizioni SE, 2011

Il libro che qui presentiamo è del 1926. È il primo grande studio pubblicato da Rudolf Otto dopo il suo capolavoro, Das Heilige (Il sacro), apparso nel 1917, e la applicazione forse più interessante delle idee in esso contenute. [...]. Il libro analizza e confronta il pensiero di due grandissime figure della storia della filosofia e delle religioni, Eckhart e Sankara, maestro quest'ultimo della advaita (non-dualità) e del «puro Vedānta», commentatore prestigioso delle Upanishad e della Gītā, artefice della rinascita del brahmanesimo nell'India dell'VIII secolo.

La nobiltà dello Spirito

La nobiltà dello Spirito

Meister Eckhart, La nobiltà dello spirito, Edizioni SE, 2011

«La formula teologica cattolica, per cui lo Spirito procede dal Padre e dal Figlio, compresa nella sua verità significa proprio questo: Dio è negazione della negazione, distacco dall'alterità della sostanza ma anche dalla pura soggettività, ovvero sintesi del divino e dell'umano, nessuno dei quali ha senso preso astrattamente.

Il libro delle parabole della Genesi

Il libro delle parabole della Genesi

Meister Eckhart, Il libro delle parabole della Genesi, a cura di Marco Vannini, Editrice Morcelliana, 2011

Interpretare la Scrittura alla luce della ragione: è questo il criterio seguito da Meister Eckhart nella sua vasta opera di commentatore dei libri biblici, nella persuasione che «da una medesima fonte e radice di verità - cioè Dio - deriva tutto quello che è vero, sia nell'essere che nella conoscenza, nella Scrittura e nella natura».

Conversione e distacco

Conversione e distacco

Valentin Weigel, Conversione e distacco - Introduzione alla “Teologia tedesca”, Editrice Morcelliana, 2010

«Se il Bene inconcepibile non può essere indagato e saputo dalla creatura, come può essa conoscerlo o pervenirvi? Si risponde così: La creatura in quanto tale non può conoscere l'inconcepibile, ma, se abbandona se stessa, se muore a se stessa con tutte le sue facoltà, rinnega e dimentica se stessa in conformità alla dottrina di Cristo, allora il Bene perfetto si trova, si sente, si gusta nell'intimo fondo dell'anima: appena cessa la creatura, inizia Dio».

Teologia tedesca

Teologia tedesca

Anonimo Francofortese, Teologia tedesca - Libretto della vita perfetta, a cura di Marco Vannini, Testi a Fronte, Bompiani, Novembre 2009

Opera di un anonimo Cavaliere teutonico di Francoforte, che riassume in forma più semplice l'alta lezione spirituale di Eckhart, fu stampata e diffusa da Lutero con il titolo Teologia tedesca, e come tale godette grande fortuna nei secoli XVI e XVII, fornendo alimento essenziale alla mistica, non solo germanica (basti pensare a san Giovanni della Croce).

Pagine

Subscribe to Edizioni