Lorenzo de' Medici logo

Alla riscoperta dei Catari: dalla mistica alla democrazia.

Convegno di studio, organizzato da:
Istituto Internazionale Lorenzo de’ Medici, Firenze

18 novembre 2017,

Chiesa di S. Jacopo in Campo Corbolini, via Faenza, Firenze

 

logo Todo Modo

28 novembre, alle ore 17:30

Firenze, libreria Todo Modo, via dei Fossi 15 rosso

Sergio e Givone e Marco Vannini presentano un libro di

Roberto Celada Ballanti
La parabola dei tre anelli

Migrazioni e metamorfosi di un racconto tra Oriente e Occidente,

 

Novità in libreria

Il muro del ParadisoIl muro del paradiso. Dialoghi sulla religione per il terzo millennio, Lorenzo de' Medici Press, pagine 112, euro 12,00

Nella quiete estiva di un giardino, nel paesaggio incantato della Versilia, due amici dialogano sulla religione nel nostro tempo e sull’essenza dell’esperienza religiosa, quasi a esaltare il contrasto tra l’armoniosa bellezza della natura – ma anche l’ indifferente suo corso – e le sgomentanti lacerazioni che segnano la ventura umana. Nello spazio di un interrogare inquieto quanto aperto alle ragioni dell’altro si dipana uno scambio di pensiero che va dalla riflessione sul presente ai vasti orizzonti di tematiche teologiche e filosofiche, fino al problema, cruciale oggi come pochi altri, del dialogo tra le fedi. Un itinerario che inanella in un nodo indissolubile autobiografia e storiografia filosofica, etica ed ermeneutica, memoria del tempo ed eternità presente nell’attimo che dilegua.

 

Simone Weil: Atene contro GerusalemmePorfirio, Vita di Pitagora – Lettera a Marcella, Lorenzo de' Medici Press, pagine 96, euro 10,00

Porfirio, filosofo greco nato a Tiro nel 234 d.C., è considerato uno dei maggiori pensatori della Grecia classica.
Polemista anticristiano, ma altamente stimato da sant’Agostino, Porfirio combatte non l’insegnamento di Cristo, che stima profondamente, ma la religiosità superstiziosa che si era costituita intorno alla sua figura. La Vita di Pitagora, ovvero di colui che non solo ha dato inizio alla parola filosofia, ma alla filosofia stessa come genere di vita, rappresenta così un esempio di verità e di purezza che il mondo classico al tramonto cerca di opporre all’ormai prevalente cristianesimo.

 

Conosci te stesso e conoscerai te stesso e Dio

All'esortazione del Dio in Delfi, primo dovere-diritto dell'uomo, risponde la mistica, da Meister Eckhart: “Chi vuole penetrare nel fondo di Dio, in ciò che ha di più intimo, deve prima penetrare nel suo fondo proprio, in ciò che esso ha di più intimo. In effetti nessuno può conoscere Dio, se prima non conosce se stesso”, a san Giovanni della Croce: “La conoscenza di se stessi, dal cui fondamento nasce la conoscenza di Dio”, ad Henri Le Saux: “Il primo compito dell'uomo è rientrare all'interno e incontrare se stesso. Chi non ha incontrato se stesso, come potrà incontrare Dio? Non si incontra il Sé indipendentemente da Dio. Non si incontra Dio indipendentemente dal Sé”.

La mistica è la filosofia, la vera prosecuzione della filosofia classica (si veda Mistica e filosofia). Un genere di vita, con cui si raggiunge la conoscenza di se stessi (si veda Storia della mistica occidentale).

Il metodo della filosofia è il medesimo della fede, ovvero il distacco (si veda Dialettica della fede). Toglier via il superficiale, l'accidentale, fare il vuoto ed eliminare le menzogne, comprese le menzogne religiose (si veda Prego Dio che mi liberi da Dio. La religione come verità e come menzogna).

La prima menzogna, che tutte le genera, è quella dell'io, della persona, dell'introvabile ego della psiche (si veda La morte dell'anima. Dalla mistica alla psicologia). L'illusione dell'ego è un prodotto dell'amore di sé, radice di ogni male. Perciò l'insegnamento evangelico è abrenuntiare se ipsum, togliere il falso se stesso e scoprire il vero io - non più l'egoità particolare, ma l'universale spirito: “Questo tu sei” insegna la Chandogya Upanishad, e Santa Caterina da Genova: “Il mio io è Dio, e non v'è altro io”.

Solo nell'universale dello spirito sono libertà e beatitudine: “Gioia perfetta che esclude il sentimento stesso della gioia, perché nell'anima non resta alcun angolo disponibile per dire <io>”; “Dire <io sono libero> è una contraddizione, perché a dire <io> è ciò che non è libero in me”, scrive Simone Weil.

Le Upanishad, il vangelo, la mistica, hanno un unico insegnamento (si veda La mistica delle grandi religioni). Conducono all'Uno, alla non-dualità, alla non alterità dell'essere: Aham asmi; ego sum.

Il vangelo non ha niente che vedere con la mitologia biblica - falsità nate per creare una comunità, religione dell'alterità di Dio - con la teologia paolina della redenzione, o comunque con le teologie, frutto dell'immaginazione. Il vangelo non è una mitologia, ma una Religione della ragione (vedi) non un illusorio sapere, ma un essere.

La stessa fede cristiana esige perciò una profonda riforma (si veda Tesi per una riforma religiosa). Si deve comprendere, all'interno stesso del cristianesimo storico, cosa sia l'essenziale, ed andare così verso una religione universale, in certo modo Oltre il cristianesimo.