Prossimi eventi

Conosci te stesso e conoscerai te stesso e Dio

All'esortazione del Dio in Delfi, primo dovere-diritto dell'uomo, risponde la mistica, da Meister Eckhart: “Chi vuole penetrare nel fondo di Dio, in ciò che ha di più intimo, deve prima penetrare nel suo fondo proprio, in ciò che esso ha di più intimo. In effetti nessuno può conoscere Dio, se prima non conosce se stesso”, a san Giovanni della Croce: “La conoscenza di se stessi, dal cui fondamento nasce la conoscenza di Dio”, ad Henri Le Saux: “Il primo compito dell'uomo è rientrare all'interno e incontrare se stesso. Chi non ha incontrato se stesso, come potrà incontrare Dio? Non si incontra il Sé indipendentemente da Dio. Non si incontra Dio indipendentemente dal Sé”.

La mistica è la filosofia, la vera prosecuzione della filosofia classica (si veda Mistica e filosofia). Un genere di vita, con cui si raggiunge la conoscenza di se stessi (si veda Storia della mistica occidentale).

Il metodo della filosofia è il medesimo della fede, ovvero il distacco (si veda Dialettica della fede). Toglier via il superficiale, l'accidentale, fare il vuoto ed eliminare le menzogne, comprese le menzogne religiose (si veda Prego Dio che mi liberi da Dio. La religione come verità e come menzogna).

La prima menzogna, che tutte le genera, è quella dell'io, della persona, dell'introvabile ego della psiche (si veda La morte dell'anima. Dalla mistica alla psicologia). L'illusione dell'ego è un prodotto dell'amore di sé, radice di ogni male. Perciò l'insegnamento evangelico è abrenuntiare se ipsum, togliere il falso se stesso e scoprire il vero io - non più l'egoità particolare, ma l'universale spirito: “Questo tu sei” insegna la Chandogya Upanishad, e Santa Caterina da Genova: “Il mio io è Dio, e non v'è altro io”.

Solo nell'universale dello spirito sono libertà e beatitudine: “Gioia perfetta che esclude il sentimento stesso della gioia, perché nell'anima non resta alcun angolo disponibile per dire <io>”; “Dire <io sono libero> è una contraddizione, perché a dire <io> è ciò che non è libero in me”, scrive Simone Weil.

Le Upanishad, il vangelo, la mistica, hanno un unico insegnamento (si veda La mistica delle grandi religioni). Conducono all'Uno, alla non-dualità, alla non alterità dell'essere: Aham asmi; ego sum.

Il vangelo non ha niente che vedere con la mitologia biblica - falsità nate per creare una comunità, religione dell'alterità di Dio - con la teologia paolina della redenzione, o comunque con le teologie, frutto dell'immaginazione. Il vangelo non è una mitologia, ma una Religione della ragione (vedi) non un illusorio sapere, ma un essere.

La stessa fede cristiana esige perciò una profonda riforma (si veda Tesi per una riforma religiosa). Si deve comprendere, all'interno stesso del cristianesimo storico, cosa sia l'essenziale, ed andare così verso una religione universale, in certo modo Oltre il cristianesimo.

Convento di San Marco, Firenze

Salviamo il convento di San Marco (Firenze)
dal nuovo provvedimento di chiusura

FIRMA LA PETIZIONE

Al Maestro Generale dell'Ordine Domenicano Bruno Cadoré

Dopo quattro anni la situazione è tornata al punto di partenza: il Capitolo Provinciale dei Frati Domenicani dell’Italia Centrale ha nuovamente deciso, nel luglio 2017, di chiudere il Convento di San Marco a Firenze; rimarrà aperta la parte del convento che è Museo statale e la chiesa, ma non ci sarà più una comunità di frati e un convento senza frati non è più un vero convento. Dopo la grande mobilitazione - di popolo, di artisti, di intellettuali - per salvare il convento, concretizzata in varie iniziative e soprattutto nella Petizione su www.change.org l’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori e il Maestro Generale dell’Ordine Domenicano, Padre Bruno Cadoré, avevano stipulato un accordo che impegnava i domenicani a tenere aperto il convento almeno fino al termine del processo di beatificazione di Giorgio La Pira, celebre sindaco di Firenze, legato per tanti motivi al convento di San Marco. Ma la Provincia Domenicana, incurante di questo accordo, ha domandato al Generale di chiudere il convento, proprio come quattro anni fa. Il cardinale Betori ha cercato di rimediare contattando il Generale Cadoré, è nato un dialogo da cui è emersa la disponibilità del Generale a non chiudere il convento. Tale disponibilità però non si è tradotta in decisioni concrete e il convento (e i frati che vi risiedono) permane in una situazione di incertezza totale.

Domandiamo al Generale di trovare quanto prima una soluzione, affinché nel convento di San Marco risieda una comunità con un congruo numero di frati, in grado di valorizzare ed incrementare le sue attività.

Ricordiamo qui l’importanza unica del convento: San Marco dal XV secolo fa parte integrante della storia e dell’identità di Firenze, San Marco è il convento domenicano più famoso al mondo e uno dei più ricchi di opere d’arte, uno dei principali centri del Rinascimento, un laboratorio dove si sono fecondate a vicenda la religione cattolica, la cultura e l’arte. Nel corso di quasi sei secoli moltissimi personaggi illustri (nella santità, nella cultura, nell’arte, nella politica) hanno abitato il convento oppure lo hanno frequentato assiduamente. Ancora oggi, benché rimasto con pochi frati, il convento è un punto di riferimento per le tante persone che desiderano un contatto con l’Ordine Domenicano, per gli studiosi di religione e arte che frequentano la chiesa, la biblioteca di spiritualità e le conferenze organizzate dai frati.

Firenze, 20 dicembre 2017

Il testo completo della petizione può essere letto su questa pagina di change.org.